Il cervello “produce” circa 70 mila pensieri al giorno,
dedicane almeno 1 per pensare alla tua salute
    CENTRO CEFALEE  L'emicrania è al 12° posto nella scala delle malattie disabilitanti. La cefalea spesso è un sintomo da non trascurare!   Maggiori informazioni →

 

CENTRO CEFALEE

L'emicrania è al 12° posto nella scala delle malattie disabilitanti. La cefalea spesso è un sintomo da non trascurare!

Maggiori informazioni →

    TERAPIA DEL DOLORE  E' diritto di ogni paziente essere curato ma ancor di più di vivere una vita qualitativamente migliore senza dolore   Maggiori informazioni →

 

TERAPIA DEL DOLORE

E' diritto di ogni paziente essere curato ma ancor di più di vivere una vita qualitativamente migliore senza dolore

Maggiori informazioni →

    DISTURBI DI MEMORIA  I ricordi sono influenzati da affettività, preoccupazioni, interessi e stanchezza,ma la loro perdita puo' essere un primo segno di malattia   Maggiori informazioni →

 

DISTURBI DI MEMORIA

I ricordi sono influenzati da affettività, preoccupazioni, interessi e stanchezza,ma la loro perdita puo' essere un primo segno di malattia

Maggiori informazioni →

    MALATTIA DI PARKINSON  Una novità terapeutica da abbinare alla terapia farmacologica per curare questa diffusa malattia   Maggiori informazioni →

 

MALATTIA DI PARKINSON

Una novità terapeutica da abbinare alla terapia farmacologica per curare questa diffusa malattia

Maggiori informazioni →

    CHECK-UP CEREBRO VASCOLARE  I vasi sono tubi idraulici, I nervi e le loro sinapsi sono come connessioni elettriche. Chi non farebbe un controllo al proprio impianto di casa dopo 50 anni?    Maggiori informazioni →

 

CHECK-UP CEREBRO VASCOLARE

I vasi sono tubi idraulici, I nervi e le loro sinapsi sono come connessioni elettriche. Chi non farebbe un controllo al proprio impianto di casa dopo 50 anni? 

Maggiori informazioni →

    RAPPORTO MEDICO E PAZIENTE   il primo passo deve essere sempre quello di condividere il percorso clinico diagnostico terapeutico

 

RAPPORTO MEDICO E PAZIENTE

il primo passo deve essere sempre quello di condividere il percorso clinico diagnostico terapeutico